A che punto è il gioco d’azzardo da remoto?

La filiera del gioco ha appena terminato di discutere per il versamento della prima tranche della famosa somma imposta dalla Legge di Stabilità… che già si apre un altro dibattito sulle future slot machine. Non è certo il migliore momento per il comparto degli apparecchi da intrattenimento, ma oltre al presente il settore deve pensare al futuro ed alla Legge Delega che dovrebbe ridisegnare il mondo-gioco sopratutto con l’avvento delle cosiddette AWP da remoto. Se ne sta discutendo tantissimo e si sono aperti tavoli di lavoro all’interno di Confindustria che sta valutando sviluppi e prospettive di questo “nuovo avvento”: certo, la testa della filiera era concentrata sulla “Stabilità”, ma si stanno portando avanti i lavori sulla futura generazione di apparecchi che dovrebbero introdursi.

Bisognerà trovare soluzioni tecniche condivise dalla filiera e concretizzarle in un documento esclusivamente tecnico da sottoporre poi alle istituzioni, cercare quindi punti di convergenza tra le varie categorie… il che non sarà indubbiamente facile! Questo “tavolo” si occuperà solo della parte tecnica e, quindi, della definizione di un prodotto, poi una volta raggiunti e definiti i dettagli tecnici verranno sottoposti alla Presidenza di Sistema Gioco Italia che farà le proprie valutazioni su questioni “politiche” e sulla distribuzione. Per quello che riguarda il settore tecnico sono all’opera ottimi professionisti che affronteranno il “lavoro” in modo concreto considerando anche la complessità del compito affidato loro, ma si spera che già il prossimo 21 maggio si potrà sottoporre una bozza di questo documento che verrà successivamente sottoposto all’Agenzia dei Monopoli. Chi vivrà vedrà.